Support
Vipilates - Alimentazione corretta per malattie autoimmuni
Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie. Vipilates Studio Vi augura una buona navigazione.

Soffri di una malattia autoimmune ed hai bisogno di sapere come muoverti adesso nella vita dal punto di vista alimentare?
Non ci sono molte notizie in giro, certo questo non è un problema, l'importante è reclutare le notizie giuste per te.
La medicina tradizionale non degna di uno sguardo lo stile di vita e l'alimentazione del malato. Il massimo che possono dirti i medici è di mangiare sano, ma mi sono accorta che la maggior parte delle persone con cui mi trovo a che fare come "life stile coach" (allenatore del benessere) non sono ancora informate sulle scelte che possono veramente cambiare le loro vite.
Ti sembra esagerato che l'alimentazione possa cambiare la tua vita?
Beh! non lo è! e aggiungo anche, non lo è per fortuna!
Puoi fare tanto per la tua salute, proprio partendo dall'alimentazione.
Non so se alcuni medici non danno peso all'argomento perché non ne sanno nulla, o perché sono addestrati al mero lavoro di prescrivere esclusivamente farmaci che non sono risolutivi né, sopratutto nelle malattie autoimmuni, curativi.
Ovviamente la mia intenzione non è sparare a zero sull'intera categoria, me ne bastano solo alcuni ;-).
Io stessa ho avuto la fortuna di incontrare un reumatologo molto evoluto che in due anni mi ha aiutato a rimettermi in piedi e a guarire profondamente.
E' per questo che non mi accanisco contro tutto e tutti.
Ho avuto anche l'esperienza di un medico che mi disse esplicitamente, usando queste parole che "dovevo convivere con i dolori, e che non se ne sarebbero andati mai".
All'epoca avevo solo 30 anni, e non ci sono stata, non ci ho voluto credere e ho continuato a cercare finché ho trovato la strada giusta, la mia strada.
L'attività motoria giusta, l'alimentazione più appropriata, le terapie di naturopatia che mi aiutavano a sopportare i dolori, insomma è stato un percorso a 360° che ha fatto si che io potessi riprendermi in mano la mia vita. Così è stato?
Se ho speso dei soldi?
Assolutamente si! ma poi in fine la qualità della vita non ha prezzo.
E se ti stai dicendo che è ingiusto guarire se hai del denaro disponibile, hai anche ragione, ma queste cure non le trovi nel sistema nazionale sanitario in Italia, poiché il sistema nazionale sanitario non sembra avere a cuore il benessere pubblico, ma questa è un'altra storia.
Tornando all'alimentazione giusta ci sono delle scelte che se le fai ti cambieranno la vita ed aiuterai così il tuo corpo a funzionare nel modo giusto.
Non ti chiedo di credermi, quello che ti chiedo è di provare per almeno un mese, queste strategie e a risultati alla mano decidere se continuare oppure no.
Non importa di quale malattia autoimmune soffri se di spondilite anchelosante, di lupus, di sclerodermia, di morbo di chron, colite ulcerosa, polimiosite, connettiviti autoimmuni, tiroide di Hashimoto, prova queste strategie, hai solo bisogno di fare le scelte giuste per la tua salute.
Naturalmente se hai una diagnosi, sicuramente hai anche un medico che ti segue, parla con lui anche delle scelte alimentari e senti cosa ne pensa anche lui o lei, poiché ci sono molti medici coscienziosi e preparati che possono aiutarti nelle tue scelte alimentari.
Se è aggiornato conoscerà gli esperimenti scientifici che riguardano gli acidi grassi, certo che ancora dati attendibili non ce ne sono, per lo meno per come li vuole la scienza, ma si stanno muovendo molte cose in questo settore e siccome scegliere una migliore alimentazione può solo farti del bene, intraprendi questa strada, vedrai che non te ne pentirai.
Le scelte alimentari che ti suggerisco, avendole per prima provate sulla mia pelle, hanno lo scopo di ridurre l'infiammazione, che indipendentemente dal tipo di malattia autoimmune hai, questa è comune a tutte le malattie.
Quando con i miei clienti si entra in questo argomento, si parla di abitudini alimentari, quello che inizialmente faccio è di introdurre il metodo con gradualità.
Questo è fondamentale proprio perché deve diventare uno stile di vita e mantenuto quindi per sempre.
Dopo il primo mese inizi a vedere dei notevoli cambiamenti, dopo 2-3 mesi è diventato tuo, cioè ti senti scomodo a tornare alle vecchie abitudini.
Ecco cosa dovrai fare, dovrai escludere:

  • Latte e derivati
  • glutine
  • zucchero raffinato
  • agrumi
  • alcool
  • caffè
  • sale
  • spezie piccanti
  • conservanti

Ti starai chiedendo allora cosa posso mangiare? ecco qui:
tutto ciò che puoi mangiare senza incorrere a fenomeni infiammatori, questi alimenti sono di origine vegetale:

  • cereali
  • legumi
  • verdura
  • frutta
  • semi
  • noci
  • dovrai preferire alimenti non conservati o troppo elaborati e consumare in abbondanza cibi ricchi di vitamine ed acidi grassi buoni.

Dovrai limitare il consumo di alimenti che aumentano l'infiammazione, come acidi grassi saturi e acido arachidonico come:

  • latte
  • formaggi
  • burro
  • uova
  • carne
  • salumi

Sopratutto nelle fasi acute, questi alimenti vanno eliminati completamente, vedrai ne trarrai beneficio.
Altra cosa che aiuta la sintesi dell'acido arachidonico, responsabile dell'infiammazione, sono gli acidi grassi degli omega 6 tra cui:

  • olio di soia
  • olio di girasole
  • olio di mais
  • olio di sesamo
  • olio di semi vari
  • margarina
  • maionese
  • semi di girasole

Se ti stai chiedendo, "adesso con cosa friggo le patatine?"
Tranquillo! puoi usare l'olio di oliva che seppur pesante, un frittino alla settimana fa bene, evita la produzione dell'acido arachidonico responsabile della tua infiammazione.
Un'altra domanda che ti viene in mente adesso potrebbe essere:
Ma se ho già l'infiammazione cosa posso fare?
Puoi introdurre nella tua alimentazione un potente antinfiammatorio naturale:
"Gli omega 3" ccone alcuni:

  • semi di lino
  • noci
  • rosmarino, origano secco
  • semi di zucca
  • fagioli si soia
  • mandorle e nocciole

In più assumere ogni giorno alimenti ricchi di Vitamine A, C, E che ti aiuteranno a contrastare i radicali liberi che aiutano nella produzione di molecole infiammatorie.
Qui entrano in gioco i succhi, le centrifughe, le spremute a freddo di tutta la frutta e verdura che puoi. Naturalmente scegli sempre verdura e frutta di stagione, riducendo il più possibile pomodori e melanzane sopratutto evita di mangiarli fuori stagione.
Altri alimenti utili sono:

  • zenzero o fresco o in polvere
  • peperoncino

Prediligi il consumo di cereali integrali per gli acidi polinsaturi che contengono tanto omega 3 come:

  • riso
  • avena
  • orzo
  • miglio
  • quinoa
  • grano saraceno
  • mais

Evita più che puoi alimenti ricchi di glutine e alimenti ricchi di zuccheri raffinati come:

  • grano
  • farro
  • Kamut
  • seitan
  • biscotti
  • torte
  • bibite zuccherate
  • miele
  • gelati
  • prodotti da pasticceria

So che magari stai pensando che "questa non è vita", e che non puoi mangiare niente delle cose più appetibili, ma ti garantisco che puoi imparare a cucinare da solo, dolci alternativi usando prodotti di qualità, almeno se vuoi riprendere in mano la tua vita. Magari se sei una persone che preferisce mangiare di tutto, senza preoccuparsi di ciò che sta mangiando, ok fai pure; ma se sei qui, forse anche tu come me, senti di aver bisogno una volta per tutte di risolvere il problema alla radice. Allora mettiti a lavoro, è questo il momento giusto!
Ecco alcune sostituzioni da adottare per le tue ricette, usa questi ingredienti:

  • latte vegetale come riso, soia, avena, mandorla
  • creme di nocciola
  • crema di mandorla
  • frutta secca
  • uva passa
  • succo di mela
  • sciroppo di agave da utilizzare al posto dello zucchero
  • farine senza glutine

schermata 2015 04 07 alle 16 31 36

Altro aspetto che devi tenere sotto controllo è il tuo peso.
Per il tuo buon stato di salute è assolutamente importante che il tuoIndice di Massa corporea sia tra 19 e 24. Ecco qui la formula per sapere se sei in sovrappeso:
Dovrai dividere il tuo peso per il quadrato della tua altezza, in questo modo:

  1. Se sei alto 1 metro e 70 moltiplica 1,70X1,70= 2,89
  2. Adesso dividi il tuo peso per il quadrato della tua altezza, se pesi 68 Kg viene

68 : 2,89= 23,52 BMI
Ecco questo è il tuo Indice di massa corporea (BMI) che se dovesse superare 24 saresti, secondo la tabella, in sovrappeso.

Perché è importante evitare di essere in sovrappeso quando si parla di malattie autoimmuni?
Fondamentalmente per la produzione di radicali liberi che aiutano la produzione di infiammazione, è come un cane che si morde la coda, comprenderai adesso il motivo per il quale è necessario, se sei in sovrappeso, che tu debba obbligatoriamente rimetterti in forma.
Adesso tocca a te!

  1. Trova, se già non ce l'hai, un reumatologo che sia di ampie vedute, il mio reumatologo mi ha aiutato con l'omeopatia e la omotossicologia. Sono cure lunghe, ci sono passata, ma la mia è stata una guarigione profonda e definitiva
  2. Lavora su te stesso, parte della mia guarigione la devo al lavoro che ho fatto su di me, se ancora non lo hai letto leggi il mio articolo sulle "Malattie autoimmuni e la psiche" troverai degli spunti di riflessione.
  3. Dopo che ti sei documentato ed analizzato, puoi avere accesso al mio migliore programma di sempre " Sprigiona l'EFB che è in te" dove, se vorrai, andremo a sprigionare la tua Energia, la tua Forza e il tuo Benessere.
Ci sono moltissime cose che puoi fare per migliorare il tuo benessere se ti va di approfondire visita questa pagina cliccaldo sul link di fianco "Sprigiona l'EFB che è in te" il mio miglior programma di coaching dove sarai guidato passo dopo passo al miglioramento della tua salute fisica e mentale.
Puoi inoltre approfondire le tematiche trattate nei miei articoli con il libro Vivi di qualità